Visualizzazioni totali

Le poesie in vernacolo di Damiano Leo

Lunedì 17 ottobre 2016

U TIÈMBE DE LE NUNNE


Natu picc’ magghjia rumanì schtasère
ammiènze a lli cippune andiche di na vigne
ca scettè angore cariche di juve sapurite,
attaccate alli shtèsse chiofe
da ciènt’anne;
cu ttè agghja parlà
attane di scet’amore
di tèrre chijène de wajie.

  Rite tu ca ormajie si
  na cosa sole cu quèdda tèrre.
  U tiembe de le nunne,
  ammiènze a quidde passature i schtradelètte du pajise,
  jas bandière de spiranze.

M’agghjia ricurdà le cunte
ca ma fatte tand i tanda vote
di quanne fascive u suldate sobbe u Carse
o all’Albanjie,
de quanne circave a licènzjie
pe purtà nu vase,
all’amoru tuve, Marjie.

  M’agghjia ricurdà quane tu turnave fore.
  Tiniv nu fiore sobb’ a biciclètte
  pe cud’ amoru tuve.

A tande, quanne de chjiù pozze, agghja fa sapì
c’attane cumm’ a tè
na nni scthone cchiù.
U tiembe de le nunne
natu picc’ à dda rumanì scthasère
allu tiembe de le nunne,
à dda turnà a scthaggione de le fiure.


IL TEMPO DEI PADRI

M’attarderò stasera / lungo i filari d’una antica vite / ancora saporita, / aggrappata alle stesse zolle / da cent’anni / e parlerò con te, / padre di questa amata / terra d’affanni. // Sorriderai certo oramai / d’appartenerci ognora. / Il tempo dei padri, / tra queste strade e vichi di paese, / leva bandiere di speranze / e non feconda mai dimenticanze. // Ricorderò le storie, / mille volte narrate a memoria, / di quand’eri soldato sul Carso / o in Albania, / di quando chiedevi licenze / per dare appena un bacio / alla tua donna, la tua Maria. // Ricorderò ritorni da campagna. / Un fiore sulla bici / per la tua dolce compagna. // Convincerò quanti più posso / che padri come te / ahimè, più non c’è n’è. / Il tempo dei padri, / s’attarderà stasera  / al tempo dei padri / e sarà primavera.

1 commento:

  1. Perdere il passato significa perdere il futuro.

    RispondiElimina